Notizie

Dicono di noi 22 dicembre 2020

Sole 24 Ore – IRIDEOS, su cloud e data center la scommessa per il 2021

Sole 24 Ore – IRIDEOS, su cloud e data center la scommessa per il 2021

Ingresso nel comitato tecnico di GAIA-X. Al via un nuovo datacenter.


Spinta su cloud e datacenter. È così che Irideos, portata a casa la riorganizzazione che ne ha fatto un polo delle tlc nel B2b, punta alla crescita organica nel 2021 e al miglioramento dell’Ebitda. Il tutto con un fiore all’occhiello: essere la prima azienda italiana entrata nel comitato tecnico di GAIA-X, progetto per portare il cloud “europeo” a competere con i colossi Usa.

«Nel 2020 abbiamo avuto ricavi in linea e margini in miglioramento. Ora abbiamo un piano organico di crescita. Che vuol dire andare a guadagnare quote di mercato» spiega il ceo Irideos Danilo Vivarelli che da un anno e mezzo guida la società controllata al 78,3% da F2i Sgr, con il 19,6% in mano al fondo Marguerite.
Questo “polo” creato nel 2018, ha significato il rientro di F2i nelle Tlc, con focus su aziende e PA, mettendo insieme asset e attività di Infracom, KPNQwest Italia, MC­link, BiG TLC, Enter e Clouditalia.

 

Nei giorni scorsi Irideos ha inaugurato un nuovo datacenter (Avalon2) che costituisce la prima estensione di Avalon Campus: datacenter di Irideos che a Milano permette a oltre 155 operatori nazionali, internazionali e OTT di scambiarsi quantità di traffico Internet collegando i propri apparati di rete con migliaia di collegamenti in fibra.
«Per i datacenter ­ precisa Vivarelli ­ la domanda è ulteriormente cresciuta con l’improvvisa accelerata della transizione digitale innescata dall’attuale pandemia». I margini di miglioramento sul punto sembrano esserci dal momento che il 30% del giro d’affari (nel 2019 il valore della produzione si è attestato sui 225 milioni, con fatturato core di 194 milioni cui si unisce il wholesale) deriva dall’attività cloud e datacenter. E in questo quadro per Irideos la partecipazione nel comitato tecnico di GAIA-X rappresenta un plus. «Far parte, come unica azienda italiana, del comitato tecnico di GAIA-X­ conferma Vivarelli ­ consente di essere parte attiva in questo processo di autonomia digitale che non può prescindere da una cooperazione
internazionale». I dati, «oggi più che mai informazione da tutelare, è fondamentale che restino in Europa e siano soggetti a regolamentazione condivisa tra gli Stati membri».

 

Su un altro versante Irideos, assieme a Colt, Intred, Retelit e Unidata, ha scritto al Governo, firmandosi come Fiber Alliance, chiedendo di valutare a fondo il disegno della rete unica che potrebbe lasciare a Tim un monopolio. «L’eventuale soluzione perla Rete Unica ­spiega Vivarelli al Sole 24 Ore deve garantire un’equa concorrenza sui mercati business e wholesale e assicurare che non ci sia discriminazione nell’accesso alle reti. I presidi di  regolamentazione e di vigilanza devono essere rafforzati, in modo particolare nel caso in cui si vada verso un operatore verticalmente integrato».


Contattaci

Desidero ricevere maggiori informazioni sull’offerta di IRIDEOS.



Acconsento
Acconsento al trattamento dei dati personali relativi all'azienda della quale faccio parte, per le finalità indicate nell’Informativa.